Quanti errori hai fatto nella vita?

Scommetto tantissimi, siamo tutti degli esperti a sbagliare!

Sbagliare fa parte del nostro processo di crescita, è una cosa totalmente naturale.

Quello che fa la vera differenza è come si affronta la situazione. Abbiamo due modi:

  • li ignoriamo (magari dando la colpa agli altri);
  • li analizziamo e impariamo da essi.

Nel primo caso stiamo sprecando un’incredibile opportunità.

Non a caso i più grandi imprenditoi del mondo trattano i loro errori come i loro migliori insegnanti.

Abbiamo una possibilità incredibile: imparare da qualcosa che abbiamo fatto e che è andato storto, perché ignorarla?

Vuoi che la prossima volta succeda di nuovo?

Le persone intelligenti infatti imparano tutto ciò che è possibile dai propri sbagli, cercano di capire cosa è andato storto per poter fare meglio la volta successiva.

Diventano, errore dopo errore, persone migliori.

Quindi perché sprecare questa opportunità? Non ha senso!

Esiste però… qualcosa di ancora più furbo… imparare dagli errori senza commetterli!

“Le persone intelligenti imparano dai loro errori, le persone sagge dagli errori degli altri!” – Brandon Mull

Ci hai mai pensato?

Osservi gli altri… studi i loro errori ed eviti di commetterli.

Uno dei tanti vantaggi del leggere libri o frequentare corsi comprende anche questo.

L’autore o il formatore di turno fornisce la sua personale esperienza, costruita su centinaia di errori commessi personalmente.

Questo velocizza il tuo processo di apprendimentosenza doverli fare personalmente… per passare direttamente agli errori successivi.

(Non sperare di non farli perché sai come evitarli! Sai solo come evitarne alcuni. È impensabile non sbagliare quando si affronta qualcosa di nuovo.)

Riflettici.

P.S.:

Impari solo dai tuoi errori, o studi anche gli errori degli altri?

Piccola differenza dal risultati incredibili!

 

P.P.S.: Vieni a conoscermi meglio e scarica il materiale di grande valore che ho preparato per te: http://www.antoniofinocchi.it

Recommended Posts

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *