Ricardo Semler, amministratore delegato dell’azienda brasiliana Semco, famosa per la forma radicale di democrazia industriale che vi si pratica, suggerisce che per capire meglio la realtà che ci circonda dovremmo chiedere tre perché, uno dopo l’altro, su tutto ciò che facciamo.
“Per il primo perché abbiamo sempre una buona risposta. Al secondo diventa già più difficile rispondere. Al terzo ti rendi conto che, in effetti, non sai perché fai quello che fai.” – Ricardo Semler
Ecco un esempio di come i tre perché arrivano al nocciolo della questione.
Domanda #1: “perché nella nostra azienda non possiamo generalizzare il telelavoro?”
Risposta: “perché non sappiamo se i nostri dipendenti lavorerebbero davvero tutto il giorno.”
Domanda #2: “Perchè assumiamo persone delle quali non ci fidiamo?”
Risposta: “Ci fidiamo di loro, quando sono in ufficio.”
Domanda #3: “Perché trattiamo i membri del personale come se fossero dei bambini?”
Più insisti con i perché e più ti avvicini alla vera risposta, la verità nascosta dentro di te.
Quando devi prendere una decisione, o valutare una decisione già presa, prova a chiederti tre volte perché, noterai subito l’efficacia di questa tecnica!
Facciamo un esempio. Se sto valutando di fare qualche tipo di corso di lettura rapida..
#1: “Perché voglio fare un corso di lettura rapida?”
Risposta: “Voglio leggere più velocemente”
#2: “Perché voglio leggere più velocemente?”
Risposta: “Per apprendere competenze più velocemente”
#3: “Perché vuoi avere più competenze?”
Risposta: “Maggiori sono le mie competenze/conoscenze e maggiore è il mio valore sul mercato”
#4: “Perché vuoi valere di più sul mercato?”
Risposta: “Per guadagnare di più”
#5: “Perché vuoi guadagnare di più?”
Risposta: “Per avere più tempo libero… ecc… ecc…”
Più ci addentriamo nei “perché”, più “viene fuori” la reale motivazione che ci spinge a fare quello che facciamo.
Prova a chiederti il motivo di quello che fai, per almeno tre volte, o meglio, scava ancora più a fondo.
Voltaire diceva: “giudica un uomo dalle sue domande piuttosto che dalle sue risposte.”
Continua a porti domande, sono le giuste domande, che prima o poi ti farai, a darti le soluzioni che stai già cercando!
E potresti anche trovare risposte sgradevoli, ma ti faranno capire tante cose.
Ricorda: non sottovalutare mai l’importanza di porti domande!
P.S.: Vieni a conoscermi meglio e scarica il materiale di grande valore che ho preparato per te: http://www.antoniofinocchi.it

Recommended Posts

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *