Ci sono persone che si arrendono alla prima difficoltà, e altre che non mollano mai.

Le prime trovano una scusa nel più piccolo dei problemi, per tirarsi indietro e mollare, le seconde sono inarrestabili, non importa il numero di problemi, di fallimenti, delusioni, non si arrenderanno mai.

Thomas Edison fece migliaia di tentativi sbagliati prima di riuscire ad inventare la lampadina.

Una vicina di casa gli chiese: “Signor Edison, anche oggi nessun risultato?”

E lui rispose: “Nessun risultato? Anche oggi ho scoperto 10 nuovi modi di come NON è una lampadina!”

Punto di vista interessante!

Edison fece migliaia di fallimenti prima di raggiungere il risultato voluto.

E cosa dire di Walt Disney? Si racconta che abbia visitato 300 banche per trovare il finanziamento che gli permettesse di aprire il suo parco a tema, e che tutte gli abbiano risposto di “no”!

Quante persone si lamentano perché non trovano lavoro, magari dopo aver inviato il proprio curriculum a 4 o 5 aziende, e che quindi smettono di farlo?

Walt Disney non si è arreso, e dopo 300 “no” ha finalmente trovato un “si”.

Un’altra storia interessante è quella di Sylvester Stallone. Quando scrisse il copione di Rocky era in serie difficoltà economiche, aveva circa 100 dollari in baca.

Presentò la sua idea a diverse case cinematografiche, ottenendo la stessa risposta: al pubblico non interessava un film sulla storia di un pugile.

Infine ne trovò una interessata.

Ma Stallone aveva una condizione: voleva essere il protagonista del suo film.

Gli fu offerta una somma crescente di denaro per convincerlo a rinunciare al suo ruolo e a vendere il copione, ben 300.000 dollari.

Non volevano un attore sconosciuto come protagonista!

Ma il giovane Sly restò fermo sulle sue idee, riuscendo infine a vincere la sua battaglia.

Il resto è storia. Rocky ha vinto 3 premi oscar e ha reso Stallone uno degli attori più famosi su Hollywood.

Esistono centinaia di storie simili. Il successo non arriva senza superare le difficoltà e gli ostacoli. Ostacoli che fermano chi non è abbastanza determinato.

La nostra vita infatti sarà sempre costellata di “no”, di rifiuti!

Ai Beatles fu consigliato di cambiare mestiere… Un consiglio che loro non hanno ascoltato…fortunatamente.

Pensa però a quanti ragazzi rinunciano ai propri sogni alla prima critica o difficoltà. Magari perché qualcuno gli ha detto che “non sono portati”!

Il “no” non è esiste. Ci sarà sempre qualcuno disposto a credere in te, ma sei in grado di trovarlo? O ti arrendi alla prima critica?

Il fallimento non esiste, è solo un risultato. Ma tu forse hai così paura di sbagliare da non provarci nemmeno?

Un saggio vecchio detto recita: “il diavolo non è mai così brutto come lo si dipinge”.

Non pensare alle difficoltà, dissociati dai pensieri negativi e soprattutto agisci, l’azione è l’unica garanzia di progredire, solo agendo potrai essere consapevole dei tuoi vantaggi, e quindi amplificarli, oppure dei tuoi limiti, e quindi corregerli.

Riflettici!

Ti consiglio un libro molto interessante, intitolato “Il Magico Potere del Fallimento”. Già il nome parla per sé.

Commenta questo articolo, dimmi cosa ne pensi e, se ti è piaciuto, condividilo.

 

 

P.S.: Vieni a conoscermi meglio e scarica il materiale di grande valore che ho preparato per te: http://www.antoniofinocchi.it

Recommended Posts

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *